Valutazione dei compiti in Olanda.

17 May 2019
14:30 - 15:00

Valutazione dei compiti in Olanda.

Nei Paesi Bassi l’italiano non viene quasi insegnato nei licei. Si comincia all’università con un programma (che nel primo anno è di carattere introduttivo e glottodidattico e nel secondo approfondisce le conoscenze precedentemente acquisite), il quale viene in genere seguito da poche persone, in parte già in possesso di una certa conoscenza della lingua (ad esempio, grazie a genitori italiani o dei corsi seguiti in Italia), in parte proprio alle prime orme. Alla maggior parte dei corsi partecipano più docenti. Nel mio contributo esaminerò alcune problematiche di valutazione delle prestazioni, sia nei confronti degli studenti che tra i vari docenti e fra docenti e organizzazione universitaria. Sono di fondamentale importanza la varietà degli argomenti e delle tecniche glottodidattiche all’ordine del giorno, la fine tuning all’interno di piccoli gruppi, e il ruolo della valutazione dei corsi da parte degli studenti. Particolare attenzione sarà prestata alle tesi di laurea (BA, MA), alle traduzioni e più in genere alle tesine, tutte prove per le quali non sono forniti “guide per il docente”. Accanto all’insegnamento universitario sono numerosi i centri di insegnamento al pubblico generale ed altri tipi di corsi in genere senza alcuna valutazione e quindi non considerati nel contributo.